Email MarketingLead Generation

Consigli per una efficace LANDING PAGE

Il termine landing page è inteso, nel campo del marketing online ed in particolare nell’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO), un sito web sul quale un utente letteralmente atterra per compiere una determinata azione. Nell’email marketing ha lo scopo ultimo di generare lead che potranno poi essere convertite in clienti attraverso successive operazioni di marketing.

Una buona landing page trasmette fiducia e mostra ai visitatori il valore aggiunto dell’azione effettuata. L’obiettivo principale dell’ottimizzazione della pagina di destinazione è aumentare il tasso di conversione o aumentare le vendite.

Crea una landing page veloce e chiara

Affinché una pagina di destinazione funzioni, è necessario soddisfare determinati punti. Tieni presente che oltre alle prestazioni, ovvero alla velocità di caricamento della pagina, gli utenti oggi hanno bisogno solo di poco tempo per prendere decisioni. Ciò significa anche che gli elementi più importanti della pagina di destinazione devono essere progettati in modo che siano chiaramente riconoscibili e immediatamente rilevabili. Nessuno ha bisogno di grandi animazioni, video o script complessi per creare una pagina di accesso alla landing page. Se la pagina è troppo lenta, ad esempio perché il modulo di registrazione si sta caricando troppo a lungo, questo porterà a frequenze di rimbalzo elevate. Questi ritardi possono causare una riduzione del tasso di conversione fino al 20% per ogni secondo in più necessario per caricare la pagina.

Creare landing page valide e soprattutto efficaci, che mirano ad aumentare il numero di abbonati alla newsletter, richiede elementi specifici. Nel migliore dei casi, questi dovrebbero immediatamente catturare l’attenzione del visitatore.
Evidenzia chiaramente i vantaggi e l’esclusività dell’opportunità. Perché esattamente il visitatore dovrebbe inserire i suoi dati nella tua pagina? Cosa lo aspetta e quali benefici ha?
Un invito all’azione chiaro come “Registrati gratuitamente“, “Iscriviti alla newsletter” o “Registrati senza impegno“.

Call to action

La call to action è solitamente un bottone con una frase testuale che spinge l’utente a compiere un’azione.
Affinché la Call to action (CtA) abbia successo, questo elemento deve trovarsi nell’area immediatamente visibile dell’URL e il layout si deve distinguere dagli altri elementi della pagina.
Perciò:

  • Disegna la CtA come un pulsante che è immediatamente riconoscibile.
  • Progetta la CtA nei colori complementari della tua pagina di destinazione, che utilizzi nel resto del layout (colore o contrasto complementare ).
  • Se necessario, utilizza una sfumatura per enfatizzare ulteriormente questo elemento.
  • Rendilo più grande degli altri elementi della pagina.
  • Crea il modulo di contatto sulla tua pagina di destinazione il più visibile possibile. Di quali informazioni hai effettivamente bisogno? Più record vengono interrogati, maggiore è la probabilità che l’utente abbandoni la pagina. Solitamente è sufficiente il nome, cognome, il telefono e l’indirizzo e-mail. Il resto può essere richiesto in seguito.

Testimonianze positive

Affinché l’utente possa effettuare la conversione, è importante avere fiducia nell’azienda o prodotto. I diversi simboli di attendibilità fanno sì che gli utenti nella pagina di destinazione si sentano molto “più sicuri” e quindi più facilmente portati ad una conversione. Tali simboli sono testimonianze, studi o voci di clienti soddisfatti.

Responsive

Accertati che la landing page sia facilmente fruibile sia attraverso computer che smartphone e tablet adattandosi graficamente in modo automatico così da non creare una barriera all’utente.

Inserisci le informazioni essenziali

Una pagina di destinazione non dovrebbe raccontare un romanzo, ma guidare gli utenti ad effettuare una conversione. Semplifica la navigazione e abbrevia il contenuto della tua pagina. I punti elenco e una struttura chiara aiutano.

Test, test, test

Sfortunatamente, la ricetta segreta per la pagina di destinazione perfetta non esiste. Testando costantemente la pagina di destinazione e analizzando i dati, è possibile filtrare le migliori soluzioni e i risultati per l’ottimizzazione. I test A / B mostrano quale variante della pagina funziona meglio, con un conseguente aumento delle conversioni.

Ora tocca a te

Ora che delle linee guida su come sviluppare una landing page puoi iniziare a crearla tu stesso in modo che i tuoi nuovi clienti facciano crescere il tuo e il loro business.

Articolo precedente
GLOSSARIO: SEM, SEO, SEA, SERP, SMO
Articolo successivo
GLOSSARIO: Il Marketing Display

Post correlati

No results found

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fill out this field
Fill out this field
Inserire un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Menu